Attualità

IDleaks; una comunità che sfida gli stereotipi sullo sviluppo

IdleaksL’immaginario relativo alla cooperazione e sviluppo internazionale è spesso dominato da stereotipi; si concentra sulla povertà e il disagio piuttosto che sulle soluzioni e le iniziative locali. IDleaks, una comunità di cittadini globali nei Paesi Bassi, vuole cambiare questo immaginario e promuovere una comunicazione onesta e giusta sullo sviluppo. Ecco come.

Di Siri Lijfering – IDleaks

Nel 2011, una manciata di persone con la stessa idea in testa, hanno deciso che volevano cambiare l’immagine dello sviluppo internazionale. Stanchi di vedere sempre le stesse immagini e sentire le stesse storie che non combaciavano con la loro percezione di sviluppo, né rappresentavano i paesi che avevano visitato, hanno creato una comunità per lavorare insieme alla creazione di nuove storie e incoraggiare gli altri a comunicare in modo diverso. Da allora, la comunità IDleaks è cresciuta rapidamente. Attualmente la rete è costituita da più di 50 volontari e 500 utenti online. E, anche se i volontari provengono da diverse discipline e generazioni – il più giovane ha 18 anni, il più vecchio 84 – hanno una visione e un obiettivo comuni: stimolare la comunicazione trasparente e aperta sullo sviluppo internazionale e contrastare la tendenza a raccontare i paesi in via di sviluppo e la sua gente in modo unilaterale.

IDleaks mira a cambiare l’attuale storia dello sviluppo. Non solo condividendo notizie positive, in quanto anche questo sarebbe raccontare solo una parte della storia, ma incoraggiando la gente a dire di più e coinvolgendo le persone nella narrazione. “Facciamo questo interagendo con coloro che abbiamo identificato come i tre soggetti più influenti quando si tratta di condizionare l’immaginario sullo sviluppo internazionale: le organizzazioni della società civile, i media e i cittadini. Abbiamo tre gruppi di azione che agiscono su ognuno di questi tre soggetti, rispettivamente: “l’Immaginario nei Media”, “l’Immaginario negli Aiuti” e “Connessione tra i Fatti”. Una delle cose che abbiamo fatto è stato sviluppare un codice di comunicazione sia per le ONG che per i media. Questo codice di comunicazione è stato creato in modo congiunto nel 2013 insieme ad un gruppo di 70 persone provenienti da varie discipline; dai ricercatori, ai giornalisti, ai professionisti dello sviluppo ed esperti di marketing provenienti da diversi paesi, tra cui i Paesi Bassi, l’Uganda, lo Zimbabwe e le Filippine. Il Codice di Comunicazione IDleaks si basa su quattro principi fondamentali: 1) Comunicazione che prevede tante sfumature, 2) Comunicare con dignità, 3) Fornire informazioni contestuali, e 4) Ispirare”. Per ulteriori informazioni sul Codice di Comunicazione IDleaks, puoi cliccare qui.

Quest’anno IDleaks ha anche ospitato la prima edizione dei “Premi IDleaks”, per rendere le persone consapevoli degli effetti che il tipo di comunicazione sullo sviluppo ha sulla popolazione e ispirarle a comunicare in modo diverso. IDleaks premia l’organizzazione cha realizza la Campagna sui temi dello sviluppo più interessante, ma anche più sfaccettata e di impatto, con il premio High Flyer (“chi vola in alto”) e assegna invece il Fly in the Eye Award (premio “mosca nell’occhio”), all’organizzazione con la Campagna più stereotipata. In preparazione alla cerimonia di premiazione, hanno pubblicato le Campagne scelte sul sito web, dove le persone hanno potuto votare. In totale hanno ricevuto più di 10.000 voti e 35.000 visualizzazioni.

Leggi l’articolo completo sul sito internazionale di DevReporter Network

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...