Attualità/Attualità dai Media/Campagne Ong

“Sono Liberiana, non sono un virus” Una campagna contro i pregiudizi

Liberian«Sono un liberiano non un virus». Parte da un gruppo di giovani liberiani americani su Twitter la campagna per combattere i pregiudizi legati al contagio dell’Ebola. In decine di ragazzi e ragazze hanno postato sul social network degli autoscatti in cui reggono un cartello con l’hasthag #IAmALiberianNotAVirus.

Tutto parte da un caso, quello di Oretha Bestman-Yates, 43 anni, che dopo essere tornata negli Stati Uniti dopo un viaggio in Liberia a luglio, dove era andata per visitare i suoi due nipoti, è stata licenziata dall’ospedale in cui lavorava. Adesso non ha più uno lavoro e non sa come andare avanti. “Le persone che mi vedono in strada bisbigliano tra loro che sono liberiana e cambiano strada”, racconta Oretha a Rai News 24. Anche suo figlio di 6 anni a scuola è spesso oggetto di episodi di bullismo: “Mi ha detto che non vuole più dire di essere liberiano perché tutti parlano sempre di ebola a scuola”.

Ma i casi non mancano anche in Italia, come quello della bambina rientrata dall’Uganda (paese non interessato dall’epidemia) a cui è stato negata la possibilità di tornare all’asilo

Così, per combattere i pregiudizi legati al contagio del virus e l’intolleranza, la fotografa Shoana Clarke Solomon ha girato un video e lo ha postato su Twitter con hashtag #IAmALiberianNotAVirus. La campagna è diventata subito virale sul social network e sono tantissimi i conguettii lasciati dai naviganti in segno di solidarietà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...