Attualità dai Media/Buone Pratiche/Media

Follow the Money, dove vanno gli aiuti allo sviluppo?

follow_the_moneyFollow the Money è un progetto nato grazie al finanziamento dello European Journalism Centre che sfrutta il data journalism per parlare di cooperazione allo sviluppo: oltre alle mappe interattive sui finanziamenti allo sviluppo italiani nel mondo ospita articoli di approfondimento su quattro casi-paese specifici: Sud Africa, Libano, Cambogia, Vanuatu.

Spiega Emanuele Bompan, il giornalista ideatore del progetto: «L’idea cardine è mappare gli APS (aiuti pubblici allo sviluppo) per capire – partendo da una base dati che abbiamo scelto, quella dell’OCSE che, per quanto incompleta, è la più facile da elaborare – dove sono destinati.  Poi è importante mostrare i dati ma anche mostrare la parte umana di questi finanziamenti, quindi abbiamo scelto quattro destinazioni per raccontare cosa avviene, scelte non necessariamente con un criterio di strategia della politica italiana estera».

Bompan sottolinea la poca attenzione del pubblico alle notizie sugli aiuti allo sviluppo , secondo lui causata anche dalla difficoltà di comprendere gli usi e le finalità dei fondi destinati alla cooperazione internazionale: «C’è poca attenzione per queste cose, soprattutto in questo periodo. Il tentativo di un progetto come questo è quello di rendere più trasparenti i flussi di denaro, perché uno dice “aiuti umanitari” ma poi non sa dove vanno,  chi se ne occupa». Ma Bonpan mette in evidenza anche lo scarso livello informativo della comunicazione fatta dalle Ong, che tra l’altro ha spesso finalità di promozione più che di informazione: «La comunicazione che fanno molte Ong è comunicazione il più delle volte di marketing perché non sempre è informativa ed in realtà è chiaramente insufficiente.»

Schermata 2014-03-12 alle 12.35.48

Un rammarico, il giornalista non lo nasconde «La cosa triste del progetto Follow the Money è che il finanziamento non è venuto dall’Italia, io sono andato su una sede europea a chiedere i soldi per raccontare una cosa che in Italia non si fa. Il problema è che né il Ministero, né le fondazioni né le associazioni creano dei pool per promuovere giornalismo indipendente su questo tema. Giornalismo o filmografia, insomma comunicazione indipendente su questo tema sarebbe invece fondamentale»

Articolo tratto dalla ricerca di Sara Minucci “I media piemontesi e la cooperazione internazionale” realizzata all’interno del progetto Devreporter Network, di prossima pubblicazione

Annunci

One thought on “Follow the Money, dove vanno gli aiuti allo sviluppo?

  1. Sarebbe interessante una bella inchiesta de LaStampa su come sono stati spesi i fondi raccolti dal giornale e da Specchio dei Tempi in risposta alla carestia del Corno d’Africa di qualche anno fa. Dai Emanuele Bompan, follow the money!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...